Somministrazione dei Farmaci a Scuola

I genitori di bambini affetti da asma e da malattie allergiche gravi devono affrontare costantemente, oltre alle problematiche legate alla gestione della malattia, molti problemi inerenti l’integrazione del bambino in comunità ed in particolare numerosi sono i problemi ai quali si va incontro nell’ inserimento del bambino con gravi allergie a scuola.

 

Le due problematiche di rilevante importanza per questi alunni/studenti sono:

- la prevenzione dai fattori di rischio per asma e allergia negli ambienti scolastici (vedi sopra).

- la somministrazione dei farmaci a scuola per contrastare le crisi allergiche e respiratorie gravi.

La gestione di queste problematiche è molto complessa ed è assolutamente sottostimata nella sua drammaticità e nel suo impatto sulla vita dei ragazzi e delle loro famiglie.

FEDERASMA da anni opera per promuovere iniziative e sviluppare programmi e percorsi di presa in carico e di continuità assistenziale per il bambino allergico e asmatico, ponendosi l’obiettivo di garantire ai bambini/studenti in situazione di gravità la certezza di avere, durante tutto l’orario scolastico, una adeguata ed immediata assistenza da parte di personale sanitario qualificato in grado di intervenire tempestivamente per contrastare le crisi e gestire con appropriatezza le gravi crisi allergiche (anafilassi/asma grave) che, a causa della loro imprevedibilità e potenziale gravità, possono evolvere nell’arco di pochi minuti dalla loro insorgenza in eventi drammatici con esito fatale.

Per ottenere raggiungere obiettivo FEDERASMA in collaborazione con la Società di Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica – SIAIP ha stilato un documento volto a fornire indicazioni sulle misure di prevenzione utili a mitigare i fattori di rischio e ad individuare, grazie ad una diagnosi e a una certificazione rigorosa, gli alunni studenti affetti da queste patologie e il loro grado di gravità.

FEDERASMA-SIAIPRACCOMANDAZIONI PER LA TUTELA DEL BAMBINO ALLERGICO A SCUOLA

Il documento, ha ricevuto il riconoscimento della GARD Italia quale primo documento di recepimento delle "Linee di indirizzo per la prevenzione nelle scuole dei fattori di rischio indoor per allergie ed asma".